ALIMENTAZIONE CRUDISTA E' OK... MA CON DELLE REGOLE

-by Dott.Andrea Rizzo-

1

Frutta, olio di oliva, pomodori, carote e insalate conservano meglio gli elementi nutritivi se mangiati crudi. Ma alcuni ortaggi possono essere addirittura dannosi

Dalla colazione alla cena, tutti i piatti (e, ovviamente, soprattutto le verdure) sono preparati con ingredienti crudi. Questa tendenza si chiama “raw food” e, fra i suoi benefici, c’è quello di preservare i nutrienti, gli enzimi, le vitamine e i sali minerali (che, ad alte temperature, si possono degradare). Se vi incuriosisce e anche voi volete sperimentarla, il periodo migliore per farlo è proprio l’estate: la frutta matura (specialmente se mangiata con la buccia) è rinfrescante e dissetante, e aiuta a combattere i radicali liberi grazie al suo contenuto di antiossidanti.

Per gli ortaggi, la regola è quella di tagliarli all’ultimo momento e a grandi fette, perché in questo modo si riduce al minimo la perdita dei nutrienti causata dall’ossidazione dell’aria.
E per condire? L’olio extravergine di oliva fa bene soprattutto a crudo, stimolando la digestione e la produzione di colesterolo “buono” (HDL).
Studi recenti confermano che col cibo crudo non si introducono nell’organismo sostanze cancerogene, come ammine e tossine, e che la “raw diet” è utile per combattere l’obesità e l’ipertensione.

Attenzione, però. La dieta crudista va seguita con buonsenso: non tutti gli ortaggi possono essere mangiati crudi. I cereali e alcuni legumi sono un esempio: la cottura trasforma i loro amidi in carboidrati semplici e le proteine in parti solubili, e in questo modo diventano più digeribili. Attenzione anche alle patate e alle melanzane: quando sono crude contengono la solanina, una sostanza tossica che fa male all’apparato digerente e al sistema nervoso. Occhio anche a carne e pesce: consumateli crudi solo quando sono freschissimi, e quando siete assolutamente certi della loro provenienza. “È vero, la cottura può degradare alcune sostanze nutritive, ma altre volte rende anche più semplice l’assimilazione dei nutrienti. E facilita la masticazione degli alimenti duri e fibrosi”, aggiunge Kristen Gremillion, della Ohio State University (http://www.osu.edu/).

Insieme inizieremo un percorso ricco di soddisfazioni verso il raggiungimento dei tuoi obbiettivi. Il protagonista sei tu, sei tu il padrone della tua vita, della tua forma del tuo benessere!
Claudio Garombo
claudio