BETAINA E CONTROLLO DELL'OMOCISTEINA... ANCORA CONFERME

-by Dott.Andrea Rizzo-

mm

La betaina ha effetti sulla riduzione dei livelli di omocisteina, secondo una metanalisi pubblicata recentemente, che ha preso in considerazione 5 studi realizzati tra il 2002 e il 2010, nei quali adulti sani avevano assunto betaina.
L’analisi dei dati ottenuti ha evidenziato che la somministrazione di 4 grammi al giorno di betaina per 6-24 settimane aveva diminuito nei partecipanti i livelli di omocisteina nel sangue dell’11.8%.

Possiamo considerare l’iperomocisteinemia, cioè un’elevata concentrazione di omocisteina nel sangue, un marker di malattia cardiovascolare e la betaina in numerosi studi ha mostrato di essere un agente efficace per la sua riduzione.

La betaina, o trimetilglicina, è un aminoacido con 3 gruppi metilici presente in vari vegetali, tra cui la barbabietola da zucchero, mentre nell’organismo è ottenuta dal suo precursore metabolico, la colina.

La betaina riduce i livelli plasmatici di omocisteina facilitando una reazione dell’organismo chiamata rimetilazione, con la quale l’omocisteina viene nuovamente trasformata in metionina.

Un’altra funzione importante svolte dalla betaina è la sua azione sul fegato. La betaina, infatti, è un efficace agente lipotropo in grado di migliorare condizioni quali la steatosi epatica non alcolica, anche grazie all’azione epatoprotettiva.

È bene ricordare che l’Agenzia Europea per la Sicurezza Alimentare (EFSA) consiglia di non superare l’assunzione di 4 grammi al giorno di betaina, per non incorrere nel rischio di aumentare i livelli di colesterolo ematici.

Bibliografia
McRae MP. Betaine supplementation decreases plasma homocysteine in healthy adult participants: a meta-analysis. Chiropr Med. 2013 Mar;12(1):20-5.

Insieme inizieremo un percorso ricco di soddisfazioni verso il raggiungimento dei tuoi obbiettivi. Il protagonista sei tu, sei tu il padrone della tua vita, della tua forma del tuo benessere!
Claudio Garombo
claudio