COME IL DIMAGRIMENTO E’ CONDIZIONATO DA VARI FATTORI

-by Dott.Andrea Rizzo-

2015-10-31_112543

 

Differenze tra uomini e donne:
Durante esercitazioni a bassa e moderata intensità (40-70% del Vo2max), le donne consumano in proporzione più acidi grassi e meno glucosio rispetto agli uomini, ciò è dovuto a vari fattori. Uno molto importante è legato agli estrogeni, i quali incrementano la velocità della lipolisi sensibilizzando i recettori adrenergici alle catecolamine. Un altro fattore sempre ormonale è quello legato al progesterone, che riduce la velocità della glicolisi, la neoglucogenesi ed anche la capacità muscolare di assumere glucosio dal circolo ematico. Ovviamente sia gli estrogeni che il progesterone sono ormoni tipicamente femminili.

Regioni corporee più o meno sensibili al dimagrimento
Le varie zone corporee possono essere più o meno sensibili allo stimolo dimagrante e anche più o meno inclini al deposito adiposo.
Nello specifico la lipolisi (dimagrimento) può essere ridotto a causa di:
• una minor sensibilità dei recettori adrenergici alle catecolamine
• una minor presenza di recettori beta adrenergici coinvolti positivamente quando stimolati dalle catecolamine alla lipolisi
• una scarsa circolazione sanguigna in determinate zone (come spesso negli arti inferiori delle donne)
• diversità morfologiche tissutali
La lipogenesi (aumento dei depositi di grasso), può essere indotta da:
• una maggior presenza di recettori Alfa 2 adrenergici che quando stimolati inibiscono la lipolisi
• una maggior attività dell’enzima lipoproteinlipasi
• secrezione di cortisolo
• eccesso di zuccheri semplici nella dieta i quali producono un forte stimolo sulla produzione di insulina

Facciamo alcuni esempi di cause di induzione o riduzione del dimagrimento:
• il tessuto adiposo localizzato nelle cosce delle donne è più difficile da intaccare a causa dell’elevata attività dei recettori Alfa2 adrenergici indotta dagli estrogeni (Nindl et al.,1996; Volek et al. 2002).
• La stimolazione dei recettori Beta2 adrenergici e l’inibizione dei recettori Alfa2 adrenergici può essere indotta dall’utilizzo di particolari integratori e sostanze fitoterapiche. Ciò ovviamente produce un maggior dimagrimento (Greenway et al.,1995).
• Il grasso addominale di tipo androide sembra essere fortemente stimolato dalla presenza di ipercorisolemia, la quale sembra tra l’altro essere causa anche della riduzione del testosterone e del GH (Biorntorp et al.,2000).
• L’esercizio fisico sembra stimolare la riduzione prima del grasso addominale, rispetto a quello presente sugli arti. Anche un deficit calorico (dieta ipocalorica) produce una maggior mobilizzazione del grasso sottocutaneo (Nindl et al.,1996).

Uno studio ha messo in evidenza la differenza nella mobilizzazione del grasso tra la zona superiore del corpo con zona inferiore. In questo studio gli scienziati, per mezzo di una tecnica innovativa in grado di analizzare il rilascio di grasso corporeo, ha valutato in 6 soggetti di sesso maschile (di costituzione magra ed età compresa tra i 22 e 43 anni), la differenza di mobilizzazione del grasso,nella parte superiore ed inferiore del corpo.
E’ stato trovato che il tessuto adiposo dei glutei presentava un flusso sanguigno del 67% più basso rispetto alla parte superiore del corpo.
L’adipe dei glutei registrava anche un tasso di attività della lipasi ormono-sensibile del 87% più basso rispetto all’adipe presente a livello addominale. (Tan GD et al.Obesity Res, 2004).

Età e capacità di dimagrimento
L’avanzare dell’età è correlato con un decremento della produzione di testosterone circolante, tale situazione contribuirebbe alla riduzione del tessuto muscolare, all’aumento dei depositi di grasso addominale ed una maggior resistenza all’insulina Vermeulen et al.,1999; Vermeulen, 2000; Tsai et al.,2000; Biorntorp et al.,2000)

Altri fattori favorenti il dimagrimento
L’esercizio fisico favorisce la produzione di interleuchina-6 (IL-6), da parte dei muscoli scheletrici, la quale ha un importante effetto stimolatorio sulla lipolisi e sull’ossidazione degli acidi grassi durante l’esercizio fisico (Pedersen et al.,2001).

Non si giudica il merito di un uomo dalle sue grandi qualità ma dall'uso che ne sa fare.
Andrea Rizzo
andrea