ECCO I CIBI GIUSTI PER PREVENIRE LA CELLULITE

-by Dott.Andrea Rizzo-

2015-11-02_104012

 

Un’ alimentazione equilibrata è senza dubbio il primo passo da attuare per trattare qualsiasi forma di cellulite. Anche quando si ritiene di mangiare in modo sano, non è detto che, senza accorgercene, non si cada in errori alimentari che se perpetuati concorrono ad aggravare il problema: dalla presenza eccessiva di certi cibi a discapito di altri, a una non adeguata distribuzione dei pasti, a una scorretta masticazione. Attenzione però a non equivocare la dieta anti-cellulite con un regime dimagrante. Solo in alcuni casi la cellulite e il sovrappeso sono associati: non a caso le diete-lampo, soprattutto in estate, spesso aggravano la situazione accentuando le parti cellulitiche, che non possono essere ridotte dalla dieta. L’unica cosa da fare, quindi, è correggere l’ alimentazione di base.

La dieta anticellulite
Perché una dieta possa definirsi disintossicante e anticellulite, deve rispondere a questi requisiti, nessuno escluso.

1. No alle sostanze nocive per il fegato. Sono assolutamente da evitare fritture, eccesso di grassi animali, alimenti con additivi, bevande alcoliche e troppo caffè.

2. Poco sale. Si sa che il sodio trattiene l’acqua, favorendo la stasi idrica e linfatica e quindoi la cellulite. Meglio allora sostituire il sale bianco raffinato con quello integrale marino e per insaporire i cibi utilizzare erbe aromatiche (timo, alloro, rosmarino, basilico, maggiorana, ecc…), peperoncino (ottimo brucia grassi), aglio, cipolla.

3. L’acqua contro la cellulite. Bere da un litro e mezzo a due litri di acqua al giorno, meglio se lontano dai pasti e naturale, aiuta a eliminare il ristagno idrico del tessuto connettivo attraverso i reni, pelle e feci. Ovviamente, l’acqua può essere assunta anche tramite centrifugati vegetali, tisane, frullati.

4. Tanta verdura. I vegetali, di qualsiasi genere, sono fondamentali apportatori di vitamine, sali minerali, acqua e fibre utili all’intestino. Vanno consumati, crudi o cotti, ogni giorno per combattere la cellulite.

5. Frutta fuori pasto. Senza eccedere nel consumo, nella dieta quotidiana non deve mancare la frutta per la sua azione disintossicante e l’apporto elevato di vitamine drenanti.

6. Più fibre. Le fibre favoriscono la motilità intestinale e anche l’evacuazione e se l’intestino lavora in modo regolare il fisico trattiene meno liquidi e meno grassi. Aggiungi quindi dei fiocchi d’avena, miglio, orzo alle minestre e ogni 3-4 giorni mescola un cucchiaino di crusca a latte o yogurt. Preferisci anche il pane integrale, meglio se biologico: è una miniera di fibre grezze.

L’alimentazione leggera è anticellulite

Una digestione difficile richiama alle pareti gastriche molto sangue, privandone altri tessuti. È necessario pertanto per combattere la cellulite:
– non cuocere troppo a lungo i cibi, per non alterarne le proprietà;
– non mangiare troppo in un solo pasto, per non dilatare lo stomaco;
– non irritare stomaco e intestino, abusando di mostarda, alcol, frutta acerba ecc.
– non eccedere in cibi “pesanti”, come fritture e grassi animali;
– non saltare i pasti, ma invece distribuire la razione alimentare della giornata in modo equo.

Non si giudica il merito di un uomo dalle sue grandi qualità ma dall'uso che ne sa fare.
Andrea Rizzo
andrea