ETICHETTE ALIMENTARI

-by Personal Trainer Fabio De Vita-

etichetta-cibi-confezionati

 

In una sana alimentazione o in un regime alimentare controllato, per qualsiasi ragione si esso seguito, è importante sapere cosa si mette in tavola.

Il mercato dei prodotti alimentari ormai è saturo di pubblicità ingannevoli e slogan che fanno leva su alcune particolarità di un prodotto tralasciando volutamente le altre caratteristiche. E allora come farsi strada in questa giungla?

Fortunatamente ci vengono in aiuto le etichette alimentari.

Queste riportano gli elementi nutrizionali e gli ingredienti che compongono un dato alimento. Tutte informazioni che ci possono aiutare a capire la qualità del prodotto che stiamo acquistando e la sua reale salubrità.

Il regolamento UE 1169/2011 ha aggiornato le norme precedenti sull’etichettatura allo scopo di migliorare le informazioni sugli alimenti.

Sulla confezione di un prodotto alimentare sono diversi i dati che ci vengono forniti e di cui bisogna tener conto per fare una più oculata scelta, andiamo a vedere quali sono:

La prima cosa che ci salta all’occhio è la denominazione dell’alimento che, di fianco ad esso, riporta lo stato fisico dello stesso o il trattamento che ha subito (es. surgelato, decongelato, liofilizzato, in polvere, ecc.). Questo ci da una prima indicazione sul tipo di lavorazione a cui è stato sottoposto.

ssrgs

 

Altro elemento a noi molto utile è l’elenco degli ingredienti che riporta tutte le sostanze impiegate nella produzione, scritte in ordine decrescente di peso (cioè il primo ingrediente scritto nell’elenco è quello maggiormente presente e cosi a scendere), ed evidenzia gli allergeni con carattere, dimensione, stile o colore del testo diversi rispetto agli altri in modo da essere meglio individuabili.  Con queste informazioni possiamo capire cosa contiene il prodotto e sapere quali additivi sono stati utilizzati oltre ad accorgerci se contiene zucchero, amidi o sciroppi.

Da non sottovalutare è il controllo del paese di origine e il luogo di provenienza, questo ci farà capire se ciò che andremo ad acquistare è fatto completamente in Italia o con materie prime di importazione e, come per alcuni alimenti tipo l’olio di oliva, se la materia prima arriva da uno o più produttori.

A questo punto non rimane che guardare la tabella nutrizionale che ci offre indicazioni sull’apporto calorica e di nutrienti dell’alimento.

In questa tabella saranno obbligatoriamente indicati:

  • Valore energetico
  • Grassi totali
  • Acidi grassi saturi
  • Carboidrati totali
  • Zuccheri
  • Proteine
  • Saleergregrer

E potranno essere integrate con l’aggiunta di:

  • Acidi grassi monoinsaturi
  • Acidi grassi polinsaturi
  • Polioli
  • Amido
  • Fibre
  • Vitamine
  • Minerali

I valori riportati saranno riferiti a 100g/100ml o alla singola porzione e potranno essere presenti le percentuali rispetto all’assunzione raccomandata (GDA, RDA, NVR sono alcuni degli acronimi utilizzati che la indicano) riferite a quella di un uomo adulto medio, ossia 2000 kcal al giorno.

Ora sappiamo cosa dobbiamo guardare sulla confezione del prodotto che vogliamo acquistare per capire se è davvero salutare come viene pubblicizzato, se fa al caso nostro o se è meglio passare ad altro.

Insieme inizieremo un percorso ricco di soddisfazioni verso il raggiungimento dei tuoi obbiettivi. Il protagonista sei tu, sei tu il padrone della tua vita, della tua forma del tuo benessere!
Claudio Garombo
claudio