FOSFATIDILSERINA UN AIUTO IMPORTANTE PER IL CONTROLLO DEL CORTISOLO E NON SOLO

-by Dott.Andrea Rizzo-

Cattura

La Fosfatidilserina (PS), è il costituente della matrice strutturale di tutte le membrane cellulari, tale fosfolipide è importante nel recupero degli effetti fisiologici sul mantenimento della funzionalità cerebrale, essa ha anche un ‘altra importante funzione: il contrasto del cortisolo, ormone che se prodotto in grandi quantità arriva a danneggiare le proteine muscolari.
Numerosi studi clinici (oltre 35 condotti in Europa e negli Stati Uniti) dimostrano che la PS gioca un ruolo decisivo nella sintesi dei neurotrasmettitori, questo contribuisce al miglioramento dello stato funzionale del sistema nervoso centrale favorendo l’attività cognitiva la quale tende a ridursi fisiologicamente con l’età.
Grazie alla permeabilità della barriera ematoencefalica, la PS contrasta anche la sintesi della Corticotropina, la quale risulta essere la responsabile dello stress dovuto alla cascata ormonale, da cui è prodotto il cortisolo.
Alcuni studi riportano come la PS assunta per via orale attenui il rilascio dell’ACTH dalla ghiandola pituitaria in allenamenti stressanti, questo senza influenzare negativamente i livelli di GH nel sangue. L’ACTH infatti viaggia dal sangue alle ghiandole surrenali, dove impone il rilascio di alcuni ormoni, incluso il cortisolo.
Il gruppo di Montelone (Monteleone et al. “Effects of PS on the neuroendocrin response to physical stress in human.” Neuroendocrinology, 52 1990 pag.243 – 248) ha condotto uno studio controllato su soggetti giovani sottoposti a stress indotto per 10 giorni; 800 mg di PS/giorno somministrati oralmente in due dosi, alterava significativamente il rapporto GH – cortisolo riducendone la sintesi surrenalica, rispetto ad un gruppo placebo che effettua lo stesso training e la stessa alimentazione.
E’ ancora da capire quale possa essere il motivo, ma la maggioranza degli atleti che ha usato la PS a dosaggi variabili tra 300 – 800 mg al giorno, ha riportato aumenti di forza, resistenza e massa. Forse questo dipende dai minori livelli di Corticosteroidi, dalla maggiore efficienza del sistema neuromuscolare o forse da tutti e due i fattori insieme.
Uno studio più recente condotto dal Prof. Thomas Fahey presso la California State University, Chico, ha dimostrato che la PS derivata da soya (vegetale) ha la capacità di ridurre il cortisolo sanguigno durante e dopo esercizi di body-building riducendo notevolmente l’attività catabolica e favorendo maggiori recuperi con conseguente aumento della massa magra.
Gli effetti dimostrati sono di seguito elencati:
Evidente riduzione della fatica e dello sforzo percepito.
Elevati livelli di testosterone durante gli esercizi.
Riduzione del cortisolo nel sangue del 25%.
I risultati riportati possono ancora una volta dimostrare che la PS assume un valore estremamente importante nel progresso dell’atleta impegnato in attività di body-building in maniera completamente sicura, efficace e naturale.
Dose 400mg 2 volte al dì. Ottimo se assunta dopo un allenamento e prima di coricarsi nei gg di allenamento, nei gg di riposo o per recupero da stress ottimo se assunta al mattino appena svegli e alla sera prima di dormire.

Insieme troveremo la strada giusta per raggiungere i tuoi obiettivi, passo dopo passo, ripetizione dopo ripetizione. Non aver paura di sognare in grande!
Erika Falcone
erika