I 10 ERRORI CHE COMMETTE CHI VUOLE METTERSI IN FORMA

-by Personal Trainer Gabriele Baccinelli-

specchiomagragrassa

 

Visto il periodo dell’anno e viste le richieste per rimettersi in forma, è utile qualche suggerimento su come partire col piede giusto, ma soprattutto su come iniziare davvero.

Tante sono le persone insoddisfatte, di se stesse, del loro fisico o della loro salute. Tutti avrebbero un motivo per fare attività fisica o per nutrirsi correttamente.

Tra chi lo fa con equilibrio e senza sforzi e chi invece non lo fa per niente, c’è anche chi estremizza, chi fa dell’attività fisica il proprio credo personale pur non essendo agonista o non arrivando da nessuna parte. Chi si approccia allo sport nei modi più assurdi e disparati, apparendo così agli occhi di chi non fa nulla come un esaltato e scoraggiando pertanto gli altri a prendersi cura di se stessi.

Tra chi infatti si scoraggia, c’è chi crede di dover fare sacrifici immani, di non poter mangiare più nulla o di dover vivere in palestra, chi pensa di dover ricorrere a chissà quale integratore miracoloso, ecc.

Nulla di più falso, un approccio sensato, graduale e che non porti stress eccessivi se non quello di fare il primo passo, magari controvoglia, porta la maggior parte delle persone ad avere un fisico inaspettato, ad essere in salute e di buon umore, senza dolori, senza aver paura di mostrarsi in spiaggia in costume, senza far fatica a trovare la propria taglia nei negozi, senza essere preso in giro da chi è superficiale, ecc.

 

Vediamo dunque i 10 errori di chi vuole mettersi in forma:

  • Atteggiamento: “non posso farcela, ho già fallito, ci ho già provato, non sono abbastanza costante, sono così di costituzione, tendo ad ingrassare, non so come fare, non ho più 20 anni, in famiglia siamo tutti sovrappeso, ecc” Partendo già con una mentalità negativa non si va da nessuna parte, se non siamo noi a credere in noi stessi, chi lo farà? TROVARE SEMPRE GLI ASPETTI POSITIVI, non vedere il problema ma TROVARE LA SOLUZIONE. E’ così che si arriva lontano!

 

  • Aspettare il momento giusto: “inizio lunedì, domani inizio seriamente, mi devo organizzare, ora non posso, sono stressato non riuscirei adesso, ho troppi impegni, ora non ho tempo, inizio il primo del mese, ormai inizio il mese prossimo” Continuare a rinviare diventa un abitudine, più passa il tempo e più diviene automatico, quest’abitudine poi è difficile da spezzare perché inconsapevolmente cerchiamo sempre di essere coerenti con le nostre scelte, in questo caso la scelta di rinviare. Iniziare subito, non appena ci pensiamo, quando ancora c’è quell’entusiasmo e quella voglia di prenderti cura di TE stesso. Un giorno vale l’altro, che sia ad inizio mese, a metà o alla fine, l’importante è iniziare SUBITO!

 

  • Non affidarsi a qualcuno: Se non ne abbiamo le competenze, affidarsi ad un esperto è senza dubbio una delle migliori scelte che possiamo fare, questo perché ci eviterà di doverci preoccupare che i nostri impegni siano ripagati dai risultati. Quante volte molliamo perché non vediamo risultati? FATTI GUIDARE in questo nuovo percorso!

 

  • Seguire i propri preconcetti: “i carboidrati fanno ingrassare, le proteine fanno male, i grassi sono grassi quindi fanno ingrassare per forza, il latte fa male, la carne fa male, i pesi fanno ingrossare e mettere su muscoli, il cardio è meglio per dimagrire, sono piena di ritenzione quindi devo prendere drenanti, la frutta contiene zuccheri quindi fa ingrassare, sudare fa dimagrire” Seguire questi preconcetti vi ha portato dove siete ora, se volete cambiare è bene che prendiate una STRADA NUOVA, solo così potrete scoprire che finora avete sbagliato tutto e che potete solo MIGLIORARE.

 

  • Non avere mezze misure: “tutto o niente, bianco o nero, sempre o mai” Passare dalla totale sedentarietà a fare sport tutti i giorni senza freni è decisamente un estremismo, un salto nel vuoto, un approccio che manca totalmente di gradualità. Chi parte in maniera troppo esagerata solitamente poi risente il contraccolpo e si ritrova peggio di com’era partito, fallendo miseramente. La giusta gradualità è necessaria per non imbatterci nel principio di contrasto (immergendo una mano in una tinozza d’acqua gelata e poi un una tinozza d’acqua a temperatura ambiente la avvertiremo calda, mentre invece immergendoci l’altra mano non sentiremo questa differenza). E’ un principio applicabile in molti ambiti e in questo caso è da TENERE BEN PRESENTE.

 

  • Avere aspettative irreali: pensare di poter rimediare ad anni di bagordi alimentari e sedentarietà in un mese è impensabile, guardarsi allo specchio continuamente ed aspettarsi una trasformazione lampo è quanto meno pretenzioso. Darsi il giusto tempo, non prendere il percorso come una corsa sprint dal punto A al punto B, è si necessario fissare degli obiettivi, ma pensare di arrivare alla fine per poi riprendere le cattive abitudini è una perdita di tempo. Pensare di perdere 10 kg in pochi giorni è da creduloni, occorre quanto meno un deficit calorico di 7000 kcal per perdere un kg di grasso, fate voi (l’obiettivo deve essere adiposo).

 

  • Scaricare le colpe: “a casa mi cucinano X, X mi fa stressare, X non mi segue abbastanza” Scaricare agli altri le colpe dei propri fallimenti in modo da sentirsi coerenti e con la coscienza apposto e senza dubbio un atteggiamento infantile. SI TU STESSO L’ARTEFICE DEL TUO SUCCESSO, non dipende da nessun’altro.

 

  • Concedersi ricompense ancor prima di iniziare: Essere coerenti con se stessi e con le proprie scelte è un ottimo modo per essere soddisfatti di come siamo. Generalmente siamo tendenti a giudicare le persone per le azioni che compiono e facciamo così anche per giudicare noi stessi. ESSERE COERENTI ci fa sentire MIGLIORI, al contrario invece cedere alla prima tentazione ci fa sentire deboli, cadendo in una lunga serie di sgarri e sensi di colpa. Concederci momenti di dieta libera, quando meritati invece fa parte del percorso.

 

  • Osservare quello che fanno gli altri: secondo il principio della riprova sociale, in situazioni in cui siamo in dubbio su come comportarci, osserviamo il comportamento altrui (un pratico esempio è quando in caso di un incidente con tanto di passanti, tutti guardano ma nessuno interviene). In frangenti come quelli di un percorso per rimetterci in forma, non dobbiamo estranearci dalle persone ma dobbiamo più semplicemente pensare con la nostra testa, sempre. Seguire le abitudini degli amici o della famiglia, anziché avere le nostre ci limiterà non poco, senza contare che se facessero tutti così, visto l’attuale tasso di sedentarietà, nessuno farebbe più attività fisica. DECIDIAMO per NOI stessi!

 

  • Porsi dei limiti: “non ho mai pesato meno di X, sono sempre stato così, ecc.” Ci sono già abbastanza limiti nella vita, senza che ce ne poniamo noi stessi degli altri. Essere aperti a cambiamenti mai avuti, non togliersi nessuna possibilità. RACCOGLIAMO tutto ciò che POSSIAMO!

 

Questi sono dei buoni punti su cui poter lavorare che apriranno la strada verso il raggiungimento dei risultati. Non c’è niente di più bello di poter scoprire tutte le proprie potenzialità ed imparare finalmente a conoscere se stessi.

Spero che questo articolo vi sia stato utile, chi avesse dubbi può contattarmi direttamente sul mio profilo facebook “Gabriele Baccinelli”.

Insieme inizieremo un percorso ricco di soddisfazioni verso il raggiungimento dei tuoi obbiettivi. Il protagonista sei tu, sei tu il padrone della tua vita, della tua forma del tuo benessere!
Claudio Garombo
claudio