INFIAMMAZIONI GENGIVALI, NON SOTTOVALUTIAMOLE

-by Dott.Andrea Rizzo-

Beautiful woman smile. Isolated over  white background.

La parodontite è una delle cause principali della caduta dei denti negli anziani. È un’infiammazione che determina una perdita d’attacco dei denti all’alveolo , con conseguente formazione di tasche, mobilità dentale, sanguinamento gengivale, ascessi e suppurazioni, fino alla perdita dei denti.
La prevenzione è il migliore trattamento. Per individuare problemi ai denti prima che diventino più seri, è bene abituarsi a controllare la bocca quotidianamente: verifica se denti, gengive, lingua e tessuti gengivali presentano cambiamenti nel colore o nell’aspetto.
Fra i primi segni possibili di parodontite ci sono sensibilità dentale, dolore durante la masticazione, gengive arrossate o sanguinanti e alito cattivo.Ma vediamo nello specifico insieme al Dottore Mauro Malvini dello studio Dentistico ARS MEDICA DENTISTICA di Monza, di cosa si tratta. ecco cosa ci ha raccontato…

Quando vedere un dentista

Le gengive sane sono di colore rosa fermo e pallido. Se le gengive sono gonfie, rosso scuro e sanguinano facilmente, o mostrano altri segni o sintomi di parodontite, consultare il dentista al più presto. Prima si cercano cure, maggiori sono le possibilità di risolvere i danni da parodontite e prevenire altri gravi problemi di salute.

Cause della parodontite

Si pensa che placca sia la causa della parodontite. Questo film appiccicoso è composto principalmente da batteri e si forma sui denti quando gli amidi e gli zuccheri presenti negli alimenti interagiscono con i batteri che normalmente si trovano in bocca. Lavarsi i denti rimuove la placca, ma essa si riforma rapidamente, di solito entro 24 ore. La placca che rimane sui denti più di due o tre giorni può indurire sotto la gengiva trasformandosi in tartaro. Questo è molto più difficile da rimuovere e funge da serbatoio per i batteri. Queste infezioni profonde causano perdita di tessuto e ossa. Se l’osso troppo è distrutto, si rischia di perdere uno o più denti.

Diagnosi

La diagnosi di parodontite è generalmente semplice. Essa si basa sulla descrizione dei sintomi e un esame della bocca. Il dentista cerca l’accumulo di placca e di tartaro e verificare la presenza di emorragia. Per controllare la salute del tessuto gengivale, il dentista può utilizzare una sonda di metallo per misurare la profondità del solco che esiste tra le gengive e i denti.

Trattamenti e farmaci

Ci sono diversi modi per curare la parodontite, a seconda della sua gravità. L’obiettivo del trattamento della parodontite è quello di pulire a fondo le tasche dai batteri e di prevenire ulteriori danni. Il trattamento può essere effettuato da un parodontologo, un dentista o un igienista dentale. Il trattamento è più efficace quando si adotta una routine quotidiana di una buona igiene orale.

Trattamenti non chirurgici

Scalatura. Rimuove tartaro e batteri dalla superficie dei denti e sotto le gengive. Può essere eseguita con strumenti appositi o con un dispositivo a ultrasuoni. Levigatura radicolare. Questo trattamento leviga le superfici radicolari, scoraggiando ulteriormente l’accumulo di tartaro.

Antibiotici. L’uso di antibiotici per curare la parodontite rimane aperta al dibattito. Il parodontologo o il dentista possono raccomandare l’uso di antibiotici per uso topico o orale per il controllo delle infezioni batteriche. Gli antibiotici topici sono in genere il trattamento adottato.

Trattamenti chirurgici

Riduzione chirurgica della tasca. In questa procedura, il parodontologo applica piccole incisioni in modo che una sezione di tessuto gengivale può essere sollevata di nuovo, esponendo le radici. La procedura richiede in genere 1-3 ore e viene eseguita in anestesia locale.
Innesti di tessuto molle. Questo lavoro è di solito eseguito rimuovendo una piccola quantità di tessuto dal tetto della bocca (palato) o da un’altra fonte donatrice e allegandola al sito interessato.
Innesto osseo. L’innesto può essere composto da piccoli frammenti di ossa proprie o sintetiche o donate. L’innesto osseo aiuta a prevenire la perdita dei denti tenendo il dente al suo posto, e serve anche come piattaforma per la ricrescita del tessuto osseo naturale. L’innesto osseo può essere eseguito nel corso di una tecnica chiamata rigenerazione tissutale guidata.
Rigenerazione tissutale guidata. Ciò permette la ricrescita dell’osso che è stato distrutto dai batteri. Il dentista mette un pezzo speciale di tessuto biocompatibile tra l’osso esistente e il dente. Il materiale impedisce che il tessuto indesiderato penetri nella zona dolente, permettendo all’osso di ricrescere.
Applicazione di smalto matrice. Un’altra tecnica comporta l’applicazione di un gel speciale alla radice del dente malato. Questo gel contiene le stesse proteine che si trovano durante lo sviluppo nello smalto dei denti e stimola la crescita delle ossa e dei tessuti.

Prevenzione per la parodontite

Il modo migliore per prevenire la parodontite è quello di seguire un programma di buona igiene orale, che si inizi presto e si pratichi costantemente per tutta la vita.

Insieme inizieremo un percorso ricco di soddisfazioni verso il raggiungimento dei tuoi obbiettivi. Il protagonista sei tu, sei tu il padrone della tua vita, della tua forma del tuo benessere!
Claudio Garombo
claudio