LA CELLULITE

-by Dott.Andrea Rizzo-

perfect womans bum and legs

Cellulite, scarsa circolazione e gonfiori agli arti inferiori sono sintomi che molto spesso viaggiano tutti insieme, siccome sono correlati. Ad esempio la cellulite ha cause multifattoriali tra cui la scarsa circolazione ed è spesso evidenziata insieme ad altri problemi estetici e funzionali..
Quindi se il nostro obiettivo è ridurre la cellulite dovremo:
• migliorare il tono muscolare
• migliorare la circolazione
• ridurrei depositi adiposi
Può comunque capitare di trovare donne magre con un discreto tono muscolare ma con la presenza di cellulite, in quei casi dovremo soffermarci a cercare di risolvere tutte quelle cause primarie che ne sono causa.

Ma cos’è la cellulite?

Questo termine è nato per rappresentare un particolare disturbo che interessa l’ipoderma, cioè il tessuto di natura prevalentemente adiposa che si trova subito sotto il derma. Lo sviluppo della cellulite è causato dal ristagno di liquidi nei tessuti dovuto in primo luogo da una cattiva circolazione sanguigna e linfatica. Questa condizione di stasi di liquidi provoca l’accumulo di sostanza di scarto le quali si depositano nell’ipoderma provocando pressioni e alterazioni strutturali dei tessuti circostanti dando origine al tipico aspetto della pelle a buccia d’arancia. La cellulite è una vera e propria malattia del tessuto connettivo, essa si sviluppa in varie forme e stadi di avanzamento e può colpire strati più superficiali o più profondi della pelle provocando alterazioni percepibili al tatto e a occhio nudo.
Lo sviluppo di queste alterazioni cutanee sono spesso causa di molteplici fattori come la poca attività fisica, alimentazione scorretta, cattive abitudini e stile di vita sedentario. La cellulite si può prevenire e curare rispettando alcune semplici ma efficaci indicazioni.
Ricordiamoci, che la natura offre fin dall’antichità mezzi efficaci per curare e migliorare l’aspetto e il benessere del nostro corpo, l’integrazione alimentare moderna può essere di grande aiuto come in questo caso, offrendo prodotti eccezionali capaci di prevenire e contrastare efficacemente cellulite e ristagno di liquidi.
Per attaccare al meglio la cellulite è comunque fondamentale fare un attenta e continua valutazione sia posturale che dello stato di forma.
In particolare bisogna valutare con attenzione:
• il tono muscolare; la muscolatura deve essere adeguata, uno scarso tono muscolare degli arti inferiori si traduce in un insufficienza della pompa muscolare sui vasi sanguigni e uno scarso tono dei glutei si traduce in una caduta dei tessuti miofasciali che lo ricoprono ed inoltre si presentano alterazioni del microcircolo locale.
• Eventuali difetti posturali; l’iperappoggio su di un arto può causare una contrattura spastica della muscolatura e alterazioni funzionali della circolazione veno-linfatica.
• Appoggio plantare; un altro problema che si riscontra nelle donne è quello legato all’appoggio plantare, il suo corretto funzionamento permette un’altrettanto buon funzionamento del sistema linfo-venoso degli arti inferiori.
Una cosa molto importante da ricordare alle nostre signore è che l’utilizzo frequente e per molte ore delle scarpe con tacchi alti predispone all’insorgenza di problemi circolatori agli arti inferiori. Questo a causa di modifiche posturali indotte dalle scarpe con i tacchi, soprattutto a carico del piede, modificando la distribuzione del carico del peso corporeo, ed inibizione delle strutture (soletta di Lejard e triangolo della volta) responsabili del corretto reflusso linfo-venoso.
Poi si può riscontrare facilmente un incremento della curva lordotica e un aumento della ptosi viscerale ed un aumento delle retrazioni neuromuscolari nella catena delle statiche posteriori.

Tipi di trattamenti consigliati
Allenamento:
Porre l’attenzione dell’allenamento su:
• riequilibrio posturale (riduzione lordosi, correzione appoggio plantare)
• promuovere una respirazione diaframmatica
• allenare la propriocettività (tavoletta di Freeman, bosu, esercizi destabilizzanti)
• migliorare la mobilità articolare (stretching localizzato)
• allungamento globale attivo de compensato (catena cinetica posteriore)
allenamenti specifici :
Allenamenti aerobici (AC, AVR, Fartleck)
Schede di tonificazione (body fitness e circuit training vari)
Schede cardio fitness (PHA,CCF, CCFSS)

Nota importante per l’allenamento:
• Evitare l’eccesiva produzione di acido lattico.
• Allenare gli arti inferiori sempre ad inizio scheda
• Per i soggetti ben allenati, prediligere nelle schede di tonificazione movimenti esplosivi con esercizi base e carichi adeguati.
• Per le donne principianti con stile di vita molto sedentario, inserire esercizi complementari con 15-20 ripetizioni.
• Da ricordare sempre a fine di ogni sessione di allenamento, di inserire il recupero a gambe alte, cioè sdraiati a terra si mettono le gambe alte con i piedi contro un muro per 7-8 minuti
Focus sulla respirazione
La respirazione è connessa in modo diretto con la circolazione linfatica.
Più è profondo un atto respiratorio maggiore è la quantità di linfa che entra nelle vene. Quindi insegnare e rendere automatica una respirazione di tipo diaframmatico permette di migliorare il flusso verso l’alto della linfa.

Nutrizione: alimentazione iperproteica e se necessario ipocalorica (vedere sezione alimentazione); bere molta acqua; aumentare il consumo di fibre (vedi anche consigli a seguire)

Integrazione: drenanti e depuranti, stimolanti circolatori, antiossidanti, possibile utilizzo di dimagranti (termogenici, carnitina), omega-3, aminoacidi, proteine in polvere
Altro: massaggi, creme cosmetiche per la riduzione della cellulite (attenzione con problemi di circolazione e vene varicose consigliare le creme a effetto freddo), elettrostimolazione, linfodrenaggio.

Consigli generali da proporre per contrastare la cellulite
Scegli cibi naturali. Prediligi alimenti semplici come quelli che la natura ci offre ricchi di vitamine e minerali, frutta e verdura prime fra tutti. Ti consigliamo di cucinare i tuoi cibi senza grassi prediligendo cotture alla griglia, al vapore, al forno. Evitando quindi oli. Burro e margarina in cottura. Comunque ricorda che un cucchiaio di olio a crudo per condire i tuoi cibi è invece estremamente salutare.
Limita i latticini. Latte e formaggi ti consigliamo di assumerli in piccole dosi a causa della ritenzione idrica che provocano a causa del lattosio in essi contenuto. Tieni sempre presente che la ritenzione idrica è una delle cause primarie di insorgenza della cellulite.
Evita sale e cibi contenente glutammato. Anche per gli alimenti che contengono sale, glutammato e molti conservanti, il rischio di aumentare la ritenzione idrica è quasi inevitabile. Quindi cercate di eliminarle o comunque ridurre al minimo il loro utilizzo.
Bevi di più. Cerca di bere 1,5/2 litri di acqua naturale al giorno, preferibilmente l’ontano dai pasti. Ciò permette oltre che a depurare l’organismo ed eliminare le scorie accumulate, di ridurre la ritenzione idrica (perché più bevi, più dreni) e di idratare la tua pelle.
Si agli antiossidanti. Una porzione a colazione di frutti come: mirtilli, lamponi, fragole, ribes, ananas, kiwi, sono piacevolmente salutari grazie al contenuto di sostanze preziose come alcune vitamine, antiossidanti, polifenoli, antocianodine e bioflavonoidi, le quali permettono di migliorare il microcircolo e favorire il ritorno venoso grazie all’effetto tonico sui capillari, così da ridurre stati edematosi e ristagno di liquidi.
Riduci le cattive abitudini. Una per tutte elimina il fumo, il tabagismo oltre ad essere causa di molte patologie, incide negativamente sul benessere della tua pelle aumentando i processi di invecchiamento e promuovendo gli accumuli di sostanze nocive causati da una peggior ossigenazione dei tessuti e in generale da una cattiva circolazione periferica. Ciò diventa importante causa della formazione di cellulite.
Rinuncia ai tacchi alti. I bei tacci alti, che fanno guadagnare centimetri e slanciano la gamba, per contro peggiorano la circolazione periferica e il ritorno venoso, provocando gambe gonfie e pesanti e accumulo di liquidi ai piedi e alle caviglie. Di conseguenza il peggioramento della cellulite è inevitabile.
Non rimanere per ore seduta e ferma. Se fai un lavoro di ufficio o simili dove sei costretta a rimanere molto seduta cerca di concederti qualche piccola pausa in più, non per mangiucchiare qualcosa, ma per fare un po’ di movimento e riattivare la circolazione anche farti qualche rampa di scale diventa una buona idea per smuovere positivamente gli arti inferiori.

La vera passione che nasce dal profondo, si percepisce, si sente, si osserva in ogni attimo. Tingendo dei propri colori tutto ciò che tocca.
Andrea Rizzo
andrea