LA CURCUMA PUÒ PREVENIRE I DOMS

-by Dott.Andrea Rizzo-

C_2_articolo_3000157_upiImagepp

 

Conosciamo da tempo le interessanti proprietà della curcuma a livello antiossidante, antinfiammatorio e depurativo.
In particolare faccio un sunto su che cos’è la curcuma e vi riassumo le proprietà finora conosciute e comprovate.

La curcuma ed in particolare il suo principio attivo curcumina, viene utilizzata da moltissimi anni dalla medicina tradizionale in India e nel sud-est asiatico. Numerosi studi sperimentali hanno messo in evidenza le proprietà antiossidanti (diverse volte più potenti rispetto a quelle della vitamina E) e antinfiammatorie siccome blocca le vie LOX (lipo-ossigenasi) e COX (ciclo-ossigenasi) di metabolizzazione dell’acido arachidonico. Sembra anche capace di opporsi alle diverse sfaccettature della poliartrite reumatoide e della malattia di Alzheimer.
Negli ultimi anni gli studi scientifici su questa spezia indiana si stanno intensificando dimostrandone anche i benefici come potente antiossidante, antiproliferativo e tonico epatico. I curcuminoidi, cioè la parte attiva”da un punto di vista fisiologico, agiscono proteggendo le cellule dall’azione dei radicali liberi.
Nelle cellule epatiche determinando un aumento del glutatione (agente chiave per la protezione del fegato dalle tossine). Infine ricordiamoci che la curcuma nei tempi antichi veniva usata per problemi digestivi e di eccesso di acidità.
La curcuma oltre ad essere antiossidante e antinfiammatoria disintossica e aiuta a perdere peso.
Ecco perché:
• fa assimilare meno zuccheri e favorisce la regolarità intestinale;
• mantiene attivo il metabolismo, migliorando la digestione;
• depura, favorendo l’eliminazione di ristagni e tossine che “fissano” il grasso alle cellule dell’organismo;
• contrasta l’invecchiamento.

LO STUDIO SUI DOMS
Il dolore muscolare tardivo denominato come DOMS è la risposta all’attività muscolare intensa (con l’enfasi di movimenti eccentrici, i doms risultano molto elevati) a causa dell’insorgenza di processi infiammatori e stress ossidativo.
Da questa ricerca Italiana dove sono stati somministrati 2gr al dì di curcuma per 4 giorni (a cominciare da 48 ore prima della prova fisica, che è stata un corsa in discesa) si evince che i l’utilizzo di curcuma ha inibito il dolore e ha contribuito a sviluppare minor lesioni muscolari (microtraumi da sforzo). Anche i marker del danno muscolare e infiammatorio tendevano ad essere più bassa nel gruppo curcumina, statisticamente rilevante è stata la riduzione di interleuchina-8 due ore dopo l’esercizio.

http://www.jissn.com/content/11/1/31

Insieme inizieremo un percorso ricco di soddisfazioni verso il raggiungimento dei tuoi obbiettivi. Il protagonista sei tu, sei tu il padrone della tua vita, della tua forma del tuo benessere!
Claudio Garombo
claudio