LA TERMOGENESI

-by Dott.Andrea Rizzo-

la-termogenesi-per-dimagrire-come-aumentare-meccanismo-brucia-calorie

 

La termogenesi è un particolare processo metabolico che consiste nella produzione di calore da parte dell’organismo, soprattutto nel tessuto adiposo e muscolare.
Il metabolismo, e quindi anche l’entità della termogenesi, dipendono fra l’altro da fattori genetici, e possono quindi variare da individuo a individuo. Tali fattori influenzano anche la quantità del cosiddetto tessuto bruno adiposo (grasso bruno), tessuto capace di produrre calore ed energia “bruciando” i grassi in quantità maggiore rispetto ad ogni altro distretto dell’organismo.
Poiché il peso corporeo è determinato dal bilanciamento fra calorie introdotte con gli alimenti e quelle bruciate con l’attività fisica e con i vari processi metabolici quali digestione, respirazione etc., stimolando la termogenesi si può ottenere un certo controllo del peso corporeo.

Tutti i processi biologici nei quali avviene produzione di calore sono definiti termogenetici. Il calore è prodotto dalla trasformazione di energia per processi ossidativi o catabolici.
La termoregolazione è un meccanismo approntato dai sistemi biologici, nel nostro caso dall’essere umano, per poter garantire una temperatura costante dei liquidi e dei tessuti biologici.
Tale condizione viene soddisfatta attraverso la predisposizione di meccanismi di termogenesi e di termolisi, laddove per termogenesi si intende la produzione di calore e per termolisi la dispersione di calore.

Un esempio tipico della concretizzazione pratica di tali meccanismi termoregolatori sono la produzione di calore (termogenesi) da parte del corpo in ambienti freddi e, invece, la sua dispersione (termolisi) in climi dalle elevate temperature attraverso le appropriate e specializzate attività fisiologiche a ciò preposte (vasodilatazione periferica, polipnea, sudorazione).
Al concetto di termogenesi è ora necessario accoppiare quello di dieta per capire a quale condizione fisiologico-metabolica il termine completo di “termogenesi indotta dalla dieta” si riferisce.
Si tratta della dispersione energetica che il corpo effettua in risposta all’introduzione di materiale energetico (alimenti).

La comprensione di questo fenomeno e delle sue discriminazioni quantitative in funzione degli apporti qualitativi delle molecole nutritizie (proteine, carboidrati, grassi) è in grado di spiegare come certi approcci dietetico-nutrizionali funzionino meglio di altri nella stimolazione dei processi lipolitici (cioè di dimagrimento) rispetto ad altri contesti nutrizionali isocalorici ma di diversa impronta nella ripartizione dei nutrienti (proteine, carboidrati, grassi).

Il corpo ricava le energie utili per le numerose funzioni metaboliche (di impronta relazionale: motilità, sensibilità; o di base: circolazione, sudorazione, secrezioni endocrine ed esocrine, termoregolazione, tono muscolare, etc.) ad esso demandate attraverso l’energia chimica presente all’interno delle molecole nutritizio-combustibili presenti all’interno degli alimenti.

Un equilibrio nutrizionale (magari anche abbinato ad integratori alimentari appositi) ben calibrato nell’apporto proteico, non solo è in grado di favorire da un lato i processi di sintesi proteica alla base di deposizione di nuovo tessuto magro (crescita muscolare) o del preservamento di quello esistente (anticatabolismo proteico) ma anche, da un altro lato, di indurre termogenesi la quale insieme ad altri aspetti intrinsechi alla frequenza d’allenamento, livello d’allenamento, intensità d’allenamento, tipologia d’allenamento, allo stille di vita e ad altri aspetti del contesto nutrizionale contribuisce in maniera sensibile al processo di dimagrimento e/o definizione muscolare.

Insieme inizieremo un percorso ricco di soddisfazioni verso il raggiungimento dei tuoi obbiettivi. Il protagonista sei tu, sei tu il padrone della tua vita, della tua forma del tuo benessere!
Claudio Garombo
claudio