LA VITAMINA D NON FINISCE DI STUPIRE...

-by Dott.Andrea Rizzo-

vitamina-d-indispensabile-per-ossa-e-cervello

 

La vitamina conosciuta per la salute di ossa e denti, salita alla ribalta per essere la vitamina più studiata dello scorso anno (vedi news dell’1-2-2013), non finisce di stupirci.

Sembra infatti che la vitamina D sia importante per la salute cerebrale e possa essere coinvolta nella patogenesi o nella prevenzione della depressione.

È stato condotto uno studio in doppio cieco, placebo controllo, per comparare l’effetto della vitamina D associata a fluoxetina (farmaco prescritto per depressione, disturbo ossessivo compulsivo e bulimia nervosa) e fluoxetina da sola in pazienti con depressione maggiore.

Ai partecipanti è stato diagnosticato un disturbo depressivo maggiore secondo il DSM-IV (manuale diagnostico per i disturbi mentali).

Divisi in due gruppi, i pazienti hanno ricevuto giornalmente 1500 U.I. di vitamina D più 20 mg di fluoxetina, oppure solo 20 mg di fluoxetina per 8 settimane.

La combinazione vitamina D più fluoxetina ha mostrato miglioramenti nella sintomatologia già a partire dalla quarta settimana, suggerendo che l’associazione tra i due composti abbia effetti superiori nel controllo dei sintomi che non la fluoxetina da sola.

Precedenti studi avevano mostrato che i soggetti affetti da depressione sono a rischio di carenza di vitamina D, sia per la tendenza a non uscire spesso di casa (l’organismo produce la vitamina D autonomamente quando esposto alla luce solare), sia perché generalmente non praticano attività fisica.

Altri dati indicano che questa vitamina aumenta i livelli di serotonina, il neurotrasmettitore su cui gli antidepressivi agiscono.

Sembra, inoltre, che l’incremento dell’inquinamento ambientale produca la riduzione dell’assorbimento della luce solare, assorbimento ulteriormente ridotto dall’uso di creme protettive.

D’altra parte, un’eccessiva esposizione al sole non è consigliabile per il rischio di fotoinvecchiamento e fotodanneggiamento, pertanto il ricorso ad una integrazione nutrizionale può rappresentare un’alternativa interessante da valutare.

Bibliografia
Khoraminya N, Tehrani-Doost M, Jazayeri S, Hosseini A, Djazayery A. Therapeutic effects of vitamin D as adjunctive therapy to fluoxetine in patients with major depressive disorder. Aust N Z J Psychiatry. 2013 Mar;47(3):271-5.

La vera passione che nasce dal profondo, si percepisce, si sente, si osserva in ogni attimo. Tingendo dei propri colori tutto ciò che tocca.
Andrea Rizzo
andrea