L'INCREDIBILE VALORE NUTRIZIONALE DELL'ERBA D'ORZO

-by Dott.Andrea Rizzo-

cropped-cut-wheatgrass-and-a-glass-of-wheatgrass-juice1

 

La scoperta dell’immenso valore nutrizionale dell’erba d’orzo deve essere attribuita allo scienziato giapponese Yoshihide Hagiwara, laureato sia in medicina che in farmacia, che, certo che i nutrienti prodotti in laboratorio non fossero in grado di sostituire quanto offerto dalla natura, iniziò a studiare le proprietà di oltre 200 piante.

Le sue ricerche portarono all’individuazione dell’erba d’orzo in qualità della specie vegetale maggiormente ricca di nutrienti tra le varietà prese in considerazione da parte dello scienziato giapponese, che arrivò a definirla come la fonte di nutrienti più ricca e completa presente in natura. Il passo successivo dello scienziato fu l’ideazione di un metodo per trasformare in polvere il succo fresco d’erba d’orzo, in modo tale che esso non perdesse alcuna delle proprie caratteristiche nutritive. Il lavoro svolto in proposito valse allo scienziato l’assegnazione del premio internazionale “Science and Technology Agency Award”.

Test eseguiti in tutto il mondo, in particolare in Giappone e in Europa, hanno confermato come l’erba d’orzo risulti essere in natura il vegetale più ricco di vitamine, minerali, aminoacidi essenziali ed enzimi, tra cui l’antiossidante denominato SOD, che contrasta l’invecchiamento cellulare. L’erba d’orzo è inoltre una vera e propria miniera di clorofilla, che presenta un riconosciuto potere antibatterico, disintossicante, immunostimolante e alcalinizzante, ovvero evita che il pH dell’organismo viri verso l’acidità, condizione che può favorire o accompagnare, secondo gli esperti, la maggior parte delle patologie esistenti.

L’erba d’orzo rappresenta un alimento che può contribuire a compensare il mancato apporto di nutrienti derivati da vegetali crudi, che sono spesso scarsamente presenti all’interno dell’alimentazione occidentale. Le analisi chimiche condotte da Yoshihide Hagiwara in Giappone e negli Stati Uniti hanno dimostrato come l’erba d’orzo contenga il doppio del calcio contenuto nel latte, il doppio del potassio contenuto nel grano, 7 volte la vitamina C contenuta nelle arance, 30 volte il complesso di vitamine del gruppo B contenuto nel latte, 5 volte il ferro presente negli spinaci.

Per il proprio contenuto nutrizionale, l’erba d’orzo appare come un vero e proprio toccasana per la salute, soprattutto in caso di carenza di vitamine o minerali, non apportati a sufficienza all’organismo attraverso l’alimentazione.

Le foglie di erba d’orzo contengono elementi nutrizionali come minerali, vitamine, aminoacidi essenziali, enzimi e oligoelementi.. Inoltre sono presenti un concentrato di antiossidante come l’S.O.D (superossido dismutase), selenio, vitamina E, betacarotene, vitamina C, clorofilla, catalane, perossidase. Il flavonoide 2-O-GIV contenuto nelle giovane foglie d’orzo è considerato l’antiossidante naturale più potente, isolato nel 1992 dalle ricerche pubblicate dallo scienziato giapponese Dr.Shibamoto, risultato efficace nell’inibizione dell’ossidazione in vitro del colesterolo LDL, il tocotrienolo e gli acidi grassi essenziali omega 3 e omega 6.

E’ quindi un potente disintossicante, perché la clorofilla e gli enzimi impediscono l’accumulo e favoriscono l’eliminazione delle sostanze inquinanti delle tossine distruttive (quali i metalli pesanti come mercurio e piombo). Ma le proprietà dell’erba d’orzo sono molteplici: grazie al al forte contenuto di potassio e clorofilla favorisce l’equilibrio acido- basico, stimolando una veloce ripresa energetica e un notevole incremento alla resistenza e forza fisica. L’azione degli antiossidanti sinergici contenuti nelle foglie d’orzo sono la migliore difesa contro il processo d’invecchiamento del corpo.

L’erba d’orzo può essere reperita in Italia in erboristeria, nei negozi d’integratori, nei negozi di prodotti biologici e naturali, oppure attraverso i punti vendita online.

Non si giudica il merito di un uomo dalle sue grandi qualità ma dall'uso che ne sa fare.
Andrea Rizzo
andrea