LOMBOSCIATALGIA, PREVENZIONE E TERAPIA

-by Dott.Andrea Rizzo-

rimedi-naturali-contro-la-lombosciatalgia_03b8dbba66ba842d8a0850da68272ea3

Si presenta come un dolore che parte dal basso della schiena e raggiunge la gamba o, in alcuni casi, perfino il piede. La sciatalgia, o sciatica, come viene più comunemente chiamata, è dovuta all’irritazione e/o alla compressione della radice del nervo sciatico e può provocare non solo dolore, ma anche, nei casi più gravi, un interessamento dei muscoli della gamba che può portare a ipostenia, cioè mancanza di forza, nei movimenti quotidiani, a crampi o formicolii.

Solitamente, se si verifica ipostenia, vuol dire che la situazione è piuttosto seria, poiché non si tratta di una semplice irritazione, ma di una vera e propria compressione della radice. La maggiore causa della sciatalgia è da cercarsi in una protusione o in un’ernia del disco. Altre volte, invece, può essere provocata da artrosi vertebrale, che determina la restrizione del canale di uscita della radice irritandola.

La prevenzione

Prevenire la sciatalgia si può. La prima cosa da tenere in conto è che la colonna vertebrale può evitare problemi se i muscoli funzionano alla perfezione. E’ necessario quindi fare un po’ d’esercizio, anche una mezz’oretta al giorno se non andate in palestra, per mantenere la spina dorsale elastica ed i muscoli allenati.

Se preferite fare un po’ d’attività a casa, prediligete gli esercizi che distendono la colonna vertebrale, anche un po’ di stretching magari, e tonificate i muscoli dorsali ed addominali. Inoltre, se siete sovrappeso, mettetevi a dieta. Il peso eccessivo, infatti, predispone alla sciatalgia, perché la colonna vertebrale risente del peso in più che vi portate addosso e fa una fatica maggiore nel sostenere il vostro corpo.

Se, invece, avete intenzione di fare uno sport fuori casa, prediligete quelli che non fanno effettuare alla colonna vertebrale movimenti troppo bruschi. Ad esempio, evitate sport come l’equitazione o la corsa, che sottopongono il vostro corpo a ‘scosse’ alla spina dorsale, provocando microtraumi ai dischi intervertebrali.

Preferite, invece, il nuoto, l’acquagym, la bicicletta, la passeggiata veloce, la palestra in generale. In questo caso, scegliete con accuratezza i macchinari da utilizzare, evitando di sottoporre la colonna vertebrale a sforzi troppo impegnativi.

La terapia

Quando la sciatalgia è già presente, si hanno a disposizione tre trattamenti che possono aiutarci a recuperare la salute. Innanzitutto, se la causa della sciatalgia è una irritazione della radice del nervo sciatico, è consigliata la somministrazione di antinfiammatori per circa una decina di giorni, stando a riposo ed indossando un busto semirigido che prenda la parte bassa della schiena.

Terminato il periodo di riposo, ci si può alzare e fare movimenti non eccessivamente pesanti e/o bruschi, sempre indossando il busto. Se, invece, la causa del dolore può risiedere nella compressione della radice, allora la terapia cambia.

Prima, però, la diagnosi va confermata da una radiografia ed una TAC lombo-sacrale per vedere se effettivamente c’è una protusione o un’ernia discale. Se la diagnosi viene confermata ed il dolore non è associato a ipostenia, la terapia prescritta solitamente consiste in un primo approccio antinfiammatorio per poi passare, dopo che la fase di dolore acuto si sia calmata, a massaggi, sedute con ultrasuoni e/o infrarossi. In generale, dopo circa tre mesi di applicazioni, il dolore scompare del tutto perché l’ernia si riassorbe da sola.

Infine, si prospetta la terapia chirurgica solo nei casi più gravi, quando, cioè, le altre soluzioni non hanno dato esito positivo per almeno tre mesi consecutivi e/o quando il dolore alla gamba diventa insostenibile e limita effettivamente i movimenti e le azioni quotidiane. In quei casi, è necessario asportare l’ernia discale che si è venuta a creare.

Insieme troveremo la strada giusta per raggiungere i tuoi obiettivi, passo dopo passo, ripetizione dopo ripetizione. Non aver paura di sognare in grande!
Erika Falcone
erika