MANGIARE PESCE ALLUNGA LA VITA

-by Dott.Andrea Rizzo-

http _media-s3.blogosfere.it_scienzaesalute_8_8f0_pesce-cervello-620x350

Lo afferma Dariush Mozaffarian, professore associato al Dipartimento di Epidemiologia della Harvard School of Public Health, con un nuovo studio epidemiologico condotto insieme con alcuni colleghi dell’Università di Washington.
I ricercatori hanno esaminato i dati relativi 2.700 americani di 65 anni o più nell’arco di 16 anni, che partecipavano al Cardiovascular Health Study.

Dai risultati è emerso che i partecipanti con alti livelli ematici di omega-3 mostravano una riduzione del 27% di mortalità, in particolare il 35% di rischio in meno per patologie cardiache e 2.2 anni di sopravvivenza media in più rispetto ai soggetti con livelli bassi.

Più specificatamente, alti livelli di acido docosaesaenoico erano associati a una riduzione statistica del 40% del rischio di morte per malattia coronarica, in particolare di aritmia, mentre gli acidi eicosapentaenoico e docosapentaenoico erano collegati alla riduzione del rischio di infarto del miocardio non fatale.

Questo studio è un’ulteriore conferma dell’importanza di un corretto apporto di acidi grassi polinsaturi della serie omega-3 con la dieta per la salute cardiovascolare, unitamente a uno stile di vita complessivamente sano.

Numerosi dati anche clinici indicano inoltre gli effetti protettivi degli omega-3 a livello cardiovascolare nella riduzione di trigliceridi, pressione sanguigna, aggregazione piastrinica e il miglioramento endoteliale, supportando l’ipotesi che tali acidi siano efficaci in caso di prevenzione primaria.

Bibliografia
Mozaffarian D, Lemaitre RN, King IB, Song X, Huang H, Sacks FM, Rimm EB, Wang M, Siscovick DS. Plasma Phospholipid Long-Chain ω-3 Fatty Acids and Total and Cause-Specific Mortality in Older Adults: A Cohort Study. Ann Intern Med. 2013 Apr 2;158(7):515-25.

Valere e saper mostrare che si vale, significa valere due volte... Ciò che non si vede è come se non ci fosse.
Andrea Rizzo
andrea