PALEO DIET O MEDITERRANEA? QUANDO LA VERITA' STA NEL MEZZO...

-by Dott.Andrea Rizzo-

dietveritanelmezzo

Paleo diet, dieta alla moda oppure qualcosa di assai più remoto?
La paleo diet o dieta del paleolitico si basa su quei cibi che l’uomo ha fatto propri dai tempi più lontani … in poche parole alimenti ricchi in proteine animali prettamente magri e frutta e verdura crude in abbondanza.

Le prove del DNA dimostrano che gli esseri umani in 40.000 anni non sono cambiati quasi per niente. Più in particolare il genoma umano si è modificato meno dello 0,02%, in altri termini si evince che la costituzione genetica dell’uomo paleolitico è praticamente identica a quella attuale. Infatti le necessità sono rimaste le stesse ed il corredo genetico umano è sempre strutturato per una vita in cui tutto il cibo consumato quotidianamente deve essere procurato in un ambiente “naturale”, anche se ahimè, questo mondo e tipo di vita oggi non esistono più.
La natura ha programmato ciò di cui il corpo ha bisogno, migliaia di anni prima che si sviluppasse la civiltà e che nascessero agricoltura ed allevamento.

Possiamo semplicemente dire che al genoma umano corrisponde un programma di alimentazione ottimale contenente tutti i cibi che rendono sani, magri e in ottima forma.
Un esempio calzante potrebbe essere questo: se un motore è progettato per andare a benzina, e nel serbatoio mettiamo del diesel, le conseguenze per il motore sono disastrose. Lo stesso possiamo dire per il nostro organismo il quale è costituito per rendere al meglio in tutte le sue funzioni, quando il nutrimento proviene da verdura pesce e selvaggina, che gli esseri umani si procuravano nell’antichità.

Sicuramente, l’equilibrio rispecchia il mio modo di definire un alimentazione “salubre”.
Riflettiamo:
Nel complesso l’alimentazione deve essere bilanciata in modo da nutrire e mantenere in salute l’organismo senza sovraccaricarlo, apportando i macro e micronutrienti necessari in modo vario e quindi sostenibile ad oltranza, insomma quel che possiamo definire come sane abitudini alimentari. Con ciò non voglio dire che non si possano approcciare particolari pratiche alimentari per ottenere i risultati ricercati, ad esempio una percentuale di grasso molto bassa come capita per i culturisti vicini ad una competizione.
Ma nel complesso queste fasi, talvolta anche estreme, devono comunque essere limitate in modo che incidano relativamente poco nell’arco di un anno.
Ciò dovrebbe garantire anzitutto il benessere senza pregiudicare i risultati sportivi.
Se ci soffermiamo a pensare un secondo, non vi sembra che l’alimentazione moderna nella media, anche quando controllata, cioè priva o quasi di junk food e di cibi ricchi di grassi saturi, presenti degli eccessi? Io direi proprio di si… La percentuale di cereali, latticini, zuccheri raffinati, salumi magri ma ricchi di sodio e nitriti/nitrati, formaggi, ecc.. è veramente eccessiva, il che comporta non pochi problemi. Per spiegare meglio vorrei riallacciarmi all’esempio precedente sul motore e il tipo di carburante utilizzato, in questo caso i cibi elencati diventano il carburante sbagliato per la nostra macchina metabolica, perché tali alimenti ostruiscono ingranaggi e collegamenti del motore, in poche parole, fanno ingrassare, sono causa di cattive condizioni di salute e di svariate malattie metaboliche.

E’ importante ritornare ad una dieta, per la quale l’uomo è geneticamente programmato, senza però creare eccessi ed estremismi, altrimenti siamo punto e a capo.. e si ricade in altri tipi di problemi. Io preferisco una sana via di mezzo.. Preferisco un’alimentazione bilanciata che prenda spunto dalla ricerca scientifica e da varie tipologie di dieta, cercando di estrapolare il meglio da ognuna di esse, facendo quindi coesistere il tutto intelligentemente insieme. Fare ciò non è un gioco da ragazzi, ma vi assicuro che è fattibile. Ma non ci dimentichiamo che la cosa più importante è la “personalizzazione”, tutto deve essere costruito in base alle caratteristiche soggettive.
Troppo spesso le diete moderne per essere commerciali, cercano di standardizzare tutto e perdono di vista le caratteristiche individuali, che invece dovrebbero essere la base di partenza.

Insieme inizieremo un percorso ricco di soddisfazioni verso il raggiungimento dei tuoi obbiettivi. Il protagonista sei tu, sei tu il padrone della tua vita, della tua forma del tuo benessere!
Claudio Garombo
claudio