PIENO INVERNO E' LA NATURA A DARCI UNA MANO

-by Dott.Andrea Rizzo-

357589_nebo_sneg_derevya_zima_1920x1080_(www.GdeFon.ru)

Ecco gli alleati naturali che aiutano il metabolismo, rinforzano il sistema immunitario e risvegliano la circolazione allontanando dolori e stanchezza

Riscoprire l’analogia corpo-natura…

Secondo la Medicina Tradizionale Cinese, acqua e terra sono gli elementi fondamentali per la trasmutazione invernale dell’organismo: questa antica Tradizione culturale sostiene ad esempio che il freddo rende aridi i tessuti del nostro corpo esattamente come accade in natura al terreno, alle piante, ormai senza più foglie, coperte dalla neve e rinsecchite. Del resto, anche in Occidente la medicina dei conventi e delle tradizioni osservava la natura invernale e sapeva che i medesimi fenomeni accadevano ai nostri organi interni, alle nostre cellule, ai nostri tessuti.

… Per sfruttarne al meglio le sinergie…

Facciamo un esempio per capirci: fuori, in questo momento dell’anno c’è aridità, secchezza, stasi: ebbene, è il momento giusto per riempire il nostro corpo di acqua, energia verde, muschi, terre bagnate. Per gli stessi motivi a gennaio l’alimentazione è fondamentale per dare una svolta al metabolismo e quindi per rivitalizzare le nostre difese immunitarie. Un cucchiaino di argilla verde a colazione, a pranzo e a cena (all’inizio del pasto) ha la funzione di rimineralizzare e rinnovare “la nostra terra” interna. Gli antichi contadini andavano nel bosco e raccoglievano la terra umida che copriva le radici delle piante verdi, come l’abete, il pino, il vischio, il lauro.

…E curarsi in modo completo

Secondo la medesima prospettiva, la medicina dei conventi consigliava tisane a base di betulla: questa pianta è la regina delle acque, protegge ossa e reni e ha una funzione importante per il ricambio cellulare. La tisana di radici e foglie è IL depuratore di gennaio delle acque del corpo. Non solo: la betulla sblocca la stasi invernale, i gonfiori periferici e così evita l’accumulo di tossine ed è e utile per prevenire la cellulite, specialmente se aggiungiamo alla tisana di betulla qualche foglia di salice. Le due piante combinate insieme proteggono i vasi sanguigni, migliorano la circolazione e sono un potente antinfiammatorio che previene bronchiti, catarri e influenze. Ma gli antichi ci hanno insegnato anche che questo è il periodo degli impacchi di foglie di betulla e di ontano caldi sulla colonna vertebrale: sono fondamentali per combattere le lombosciatalgie, i mal di schiena, i reumatismi, che si acuiscono e si cronicizzano proprio a gennaio.

Aiutarsi anche a tavola coi cibi giusti

Continuando sulla scia dell’energia verde e della rivitalizzazione dei tessuti, non devono mancare nel nostro menu d’inverno gli spinaci, i broccoli, i porri e le insalate, che arricchiscono l’organismo di acido folico. Gennaio è anche il mese in cui abbiamo bisogno di sali minerali, di magnesio e di calcio: fondamentale a colazione è il muesli che può essere fatto con piccole quantità di frutta secca (noci, nocciole, mandorle, banane, datteri). Questi frutti da soli bastano a fornire i sali minerali che ci servono per tutto l’inverno. Così facendo combatteremo anche la stanchezza e la pigrizia che ci colpiscono soprattutto in questo periodo, con l’arrivo dei freddi più intensi.

Con l'esperienza si riesce a testare il polso dell'animo altrui attraverso la parola. proprio per questo un saggio disse: "PARLA, SE VUOI CHE IO TI CONOSCA".
Andrea Rizzo
andrea